Palau & Micronesia

micronesia micronesia2 micronesia palau reef

Lo stupore dei viaggiatori inizia sull'aereo, alla vista spettacolare di migliaia di punti di un verde intenso, sparsi in una massa infinita di oceano.
L'acqua bassa e limpidissima confonde le terre emerse ed i fondali, tanto che i confini delle isole non si distinguono dalla barriera corallina.
Sono le Caroline, il più occidentale degli arcipelaghi della Micronesia, e possono davvero essere definite uno degli ultimi paradisi naturali.

Ambiente

micronesia ambiente1 micronesia 70 islands micronesia manta thru fishball

Spiagge deserte, lagune incantate e squali incontrastati padroni del mare; Questo è quello che potete trovare a Palau.
Se osserviamo una carta geografica la Micronesia sembra lontanissima, il primo avamposto di isole nel Pacifico superate le Filippine, l'inizio di quella che è definita Oceania. Famosa per le sue immersioni, Palau è classificata come una delle destinazioni subacquee più attraenti del pianeta.
Spiagge bianche, acque cristalline, immensi giardini di corallo, lagune abitate da meduse luccicanti e innocue, foreste, cascate e grotte inesplorate dall'uomo con centinaia di isole di pura bellezza che abbondano lungo un ancestrale arcipelago.
La varietà dei suoi scorci è dovuta anche al fatto che qui le isole sono di quattro tipi: vulcaniche, coralline e atolli, a bassa piattaforma e calcaree. L'ecosistema marino di Palau ospita 1300 specie ittiche, abbondanza di pesce pelagico e più di 700 specie di coralli. Si trovano inoltre qui 7 delle 9 specie di Tridacna Gigante insieme alla più antica popolazione di dugonghi al mondo. Scelta dalla National Geographic Society come prima delle meraviglie del mondo subacqueo e annoverata tra uno degli ultimi “Paradisi viventi”.

La temperatura mediamente è stabile e si assesta intorno ai 30 gradi durante tutto l'anno. Regolato da un fattore climatico determinante quale il monsone, il clima è caldo e tropicale da Gennaio ad Aprile, più umido nei rimanenti mesi. Considerato che le temperature sono molto elevate ed i raggi solari particolarmente intensi, si consiglia di esporsi al sole con le dovute precauzioni. L'approccio dovrà essere iniziato con creme solari ad alta protezione.

Nel corso della vacanza è comunque consigliabile l'uso costante delle creme protettive evitando l'esposizione al sole nelle ore centrali della giornata.

micronesia rock island micronesia, papuano foresta pluviale

Benché conosciutissima per la sua eccezionale biodiversità marina e come il paese delle meraviglie per le immersioni, la sua biodiversità terrestre è altrettanto ricca e sorprendente: troviamo qui rarissime e numerosissime popolazioni di uccelli, animali e piante inseriti nella più grande foresta pluviale tropicale e incontaminata della Micronesia.

La vita marina a Palau è dominata dalle maree  e dalle correnti, basta osservare i profondi solchi di battente di ognuna delle isole che formano una delle meraviglie del pianeta, le “Rock Island”, funghi rocciosi sormontati da una incredibile vegetazione le cui radici si attaccano alla roccia nuda originando una foresta impenetrabile dove solo i giapponesi durante la seconda guerra mondiale avevano osato penetrare per costruire qualche avamposto. Disseminati nelle isole più grandi vi sono ancora parecchi residui bellici, ormai arrugginiti e decadenti, testimoni dei violenti combattimenti avvenuti qui, ancora nella memoria dei papuani più anziani.

Il clima, durante l'anno, si differenzia di poco con temperature dell'aria che si aggirano tra i 27 ed i 29°C. Miglior periodo per visitare le Caroline resta comunque quello compreso tra i mesi di novembre e maggio quando il tasso di umidità si abbassa. A volte durante tale periodo si manifesta qualche rovescio, che, anche se intenso, è di breve durata.

Info Diving

micronesia neco marine micronesia infodivingpalau3 info diving palau

Le immersioni

Le immersioni di Palau sono condizionate dalle maree e dalle correnti: le prime sono previste ed esistono delle tabelle sugli orari ed i flussi, le correnti sono variabili ed imprevedibili. Quindi è indispensabile avere con se un pallone di segnalazione lungo e ben visibile.
Quando le correnti veicolano le masse d'acqua dall'oceano portano acque limpide e ricche di plancton che attirano molti pesci tra cui i grossi pelagici e le condizioni della visibilità sono ottimali.  Proprio questi sono i momenti migliori per immergersi ed una guida esperta gioca un ruolo determinante nella scelta dell'orario.

micronesia drop off bar and grill micronesia infodivingpalau2 micronesia infodivingpalau1

Se le correnti sono forti non ci si può opporre, una parte dell'immersione si svolge a ridosso della parete coralligena, poi risalendo sul reef ci si ancora al fondo roccioso con un uncino, legato ad un paio di metri di cima, si gonfia un po' il jacket e si osserva l'abbondante vita pelagica (Hook Dive).

Blue Corner

micronesia blue corner blue holes micronesia silky sharks micronesia coral reef

Ritengo che l'appellativo l'immersione più bella del mondo assegnata a questa immersione sia meritata, poiché questa immersione è in grado di offrire vita bentonica rigogliosa, molto colore ed abbondante pesce pelagico, elementi che raramente si associano in una unica immersione.
Sul plateau del reef è presente una bella distesa di corallo a foglie e madrepore. La corrente solitamente forte diventa a spesso impetuosa nei pressi della punta del Blue Corner che perpendicolare cade verso il blu perdendosi negli abissi dell’Oceano Pacifico tanto da richiedere l’utilizzo di un gancio da fissare al Jacket piuttosto che attaccarsi ben saldi al fondo. Oltre il ciglio del reef, a distanza ravvicinata dai subacquei nuotano tranquillamente numerosi squali grigi, pinna bianca, pinna nera, seta e silver tip oceanici a caccia di idoli moreschi e altri pesci del reef.

Favorite dalla forte corrente e da un mare particolarmente ricco crescono maestose grosse gorgonie, colorati alcionari e anemoni con pesci pagliaccio e granchi porcellana. Tra i 20 ed i 35 metri si presenta agli occhi del sub una delle più belle pareti coralline ancora visibili nel Pacifico arredata con gorgonie a frusta, arborescenti, a cespuglio, alcionari di vari colori e specie.
A pattugliare nel blu squali grigi un po' ovunque, grossi tonni, migliaia di barracuda schierati ed enormi carangidi in branchi così fatti da oscurare la luce proveniente dalla superficie. In mezzo a questo carosello fatto di pesci spiccano sfolgoranti i molti colori della barriera corallina.

Ulong Channel

micronesia ulong channel micronesia hunting pack blue corner micronesia hunting moorish idols

Come annunciato dal nome è un lungo canale, una sorta di pass maldiviana, delimitato da due straordinarie pareti di coralli duri, integri e perfetti che coprono un'estensione di centinaia di metri.
Ci si tuffa con la corrente in entrata (situazione ottimale), che permette di fermarsi sulla parete all'ingresso del canale dove i consueti squali grigi pattugliano il reef. Dal blu profondo la parete risale verticale e colorata fino all'imboccatura del canale a circa 15 metri di profondità. Tutto intorno acropore e coralli a tavola a perdita d'occhio, alcionari di diversi colori e grossi rami di gorgonia fanno da contrasto alla bianchissima sabbia corallina presente sul fondale. La scena è incredibile, tutto è integro e perfetto (gli ancoraggi sono gestiti con apposite boa ed i subacquei sfilano all'interno del canale, senza poter minimamente danneggiare il reef).  Enormi banchi di carangidi volteggiano sopra ai tavolati di acropora mentre squali pinna bianca cacciano tra le madrepore.

Con l’aumento della corrente la massa d'acqua oceanica s'incunea nel  canale incrementando rapidamente di velocità: il sub viene trasportato in un volo a planare nell'acqua cristallina che attraversa questo canyon le cui pareti sono in continuo susseguirsi di acropore di molte specie differenti intervallate da gorgonia e variopinti alcionari. Il fondale di sabbia bianca rivlette la forte luce del sole che penetra l’acqua rendendo quest’immersione ottimale per gli amanti della fotografia subacquea che in questa entusiasmante corsa tra i coralli possono fotografare sia i soggetti macro che grosse cernie maculate e gli docili pesci Napoleone.

La fine del canale si apre in una immensa distesa di coralli a foglia, coreograficamente magnifica, seguita da una colonia di coloratissimi alcionari ed infine un immacolato e bianchissimo fondo sabbioso dove spiccano alcune enormi tridacne (circa 1 metro) col mantello marrone e dalla conchiglia esterna colonizzata da alcionari rossi ed arancioni.
Pesca, surriscaldamento degli oceani ed inquinamento hanno risparmiato totalmente questa zona dell'oceano, che fortuna sua risulta essere al di fuori della zona dei tifoni... una sorta di paradiso terrestre.

Truk

micronesia truk bow diving truk: emily flying boat diving truk: emily flying boat

La fama di Truk è legata più che alla bellezza naturale dei fondali ad un evento bellico che ha vissuto in queste acque nel 1944 la sua pagina più cruenta. Nella laguna infatti giace una parte della flotta imperiale giapponese (l’altra parte di flotta e’ stata affondata a Palau) colpita dagli americani durante il secondo conflitto mondiale, un luogo talmente importante da essere divenuto per il governo locale monumento nazionale.

Da cinquant'anni aerei e navi con tutto il loro carico di uomini e mezzi, giacciono sul fondo, per loro il tempo si è fermato nel momento in cui scoccò l'operazione americana denominata in codice "chicco di grandine", e per le navi giapponesi inermi all'ancora fu la fine.

diving truk: truck diving truk: tank diving truk: wreck

La pioggia di proiettili e bombe che le investirono fu tanto tremenda quanto sorprendente, tanto da concedere solo una flebile controffensiva. I relitti, come già accennato di aerei e navi, giacciono a profondità che variano tra i diciotto ed i cinquanta metri e sono disseminati per un'area abbastanza vasta.

Buona parte delle navi non ha nemmeno avuto il tempo di salpare l'ancora, stando a quante mostrano la quantità di catena filata fuoribordo.

Malgrado la trasparenza di questo tratto di mare non sia la caratteristica più appariscente (il top della limpidezza si ha tra la fine dell'anno ed il mese di marzo), immergersi sui relitti di navi quali il Sankisan Maru, Shinkoku Maru, Fujikawa Maru (maru contraddistingue una nave mercantile trasformata in bellica) e tra gli aerei l'Emily Flying Boat (ottimo esemplare per la categoria dei quadrimotore) resta un’emozione impareggiabile per gli amanti di questa tipologia di immersioni.

diving palau micronesia giant clam micronesia infodivingpalau5

Mediamente la temperatura dell'acqua in Micronesia è stabile sui 29°C per tutto l'anno.

Informazioni utili

Documenti necessari per l'accesso:
Per i turisti italiani in viaggio nelle isole della Repubblica Federale della Micronesia occorre il passaporto con una validità di almeno quattro mesi dal momento della partenza.
Il visto non è necessario se la permanenza non supera i trenta giorni.
Per i soggiorni superiori ai trenta giorni il visto va richiesto al seguente indirizzo:

  • Chief of Immigration, Department of Justice, FSM Government Office,
    P.O. Box PS 105, Palikir, Pohnpei FM 96941"
    (tel. ++691-320-2605/5488, fax ++691-320-7250, e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).

All'uscita si paga una tassa di partenza. Si pagano 5 US$ dall'isola di Pohnpei, 10 US$ da Chuuk e da Kosrae, nessuna tassa è dovuta uscendo dall'isola di Yap.

Valuta/banche/posta:
La valuta ufficiale della Micronesia, così come quella di tutti gli stati della Comunità delle Isole del Pacifico della Micronesia (Isole Marshall, Repubblica di Palau, Isole Marianne Settentrionali e Repubblica Federale della Micronesia), è il Dollaro statunitense (US$), che viene suddiviso in 100 cents.
Si trovano banconote da 1000, 500, 100, 50, 20, 10, 5, 2 e 1 dollaro; quindi monete da 50, 25, 10, 5 e 1 cents.
In molte di queste isole vengono accettati anche yen giapponesi.
1 US$ vale circa 1,15 euro.
Ci sono banche in tutte le principali aree turistiche delle isole che compongono la Micronesia.
Non ci sono invece banche commerciali nelle isole di Chuuk e di Kosroe.
Alla frontiera non ci sono particolari formalità valutarie da espletare, salvo l'obbligo di dichiarare la valuta di cui si è in possesso.
Le principali carte di credito vengono accettate sia negli alberghi sia in tutte le altre strutture ricettive turistiche.
Nessun problema per i Traveller's Chèque, soprattutto se in US$.
I servizi postali della Micronesia sono gestiti dalle Poste degli Stati Uniti.
Vi sono uffici postali in tutte e quattro le isole della Federazione: a Kolonia per Pohnpei, a Moen per Chuuk, a Lelu per Kosroe e a Colonia per Yap.
Telegrammi possono essere spediti solo dalla capitale Pohnpei.

Orario ufficio:
Gli orari degli sportelli bancari sono i seguenti:
lunedì - venerdì dalle 8.00 alle 12.00 e dalle 13.00 alle 17.00.
Gli orari degli uffici postali: lunedì - venerdì dalle 8.30 alle 16.30.
Gli orari dei negozi: lunedì - venerdì dalle 8.00 alle 12.00 e dalle 13.00 alle 17.00. Sabato dalle 8.30 alle 13.30.

Chiamate telefoniche:


  • Chiamate Italia - Micronesia: comporre il prefisso internazionale ++691, poi l'indicativo distrettuale, quindi il numero dell'abbonato.
    I prefissi telefonici distrettuali sono i seguenti: Chuuk 330, Kosrae 370, Pohnpei 320, Yap 350.
  • Chiamate Micronesia - Italia: comporre il prefisso internazionale ++39, quindi l'indicativo distrettuale con lo zero, infine il numero dell'abbonato.
    Le telefonate possono essere effettuate grazie ad alcuni satelliti.
    E' possibile sia necessario fare ricorso all'operatore telefonico internazionale.

Ambasciate e consolati:

  • Canberra (Australia): 12, Grey Street, Deakin, A.C.T. 2600, Canberra
    Tel. ++612-62733333/62733398/62733198 - fax ++612-62734223

Email e siti Internet: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.ambitalia.org.au

Vaccinazioni: Nessun obbligo di vaccinazione per i viaggiatori internazionali.

Nome in lingua locale: Federated States of Micronesia

Governo: Repubblica federale

Superficie (Km2): Km707

Popolazione: 122.950

Densità della popolazione (per Km2): 170 ab. Per Km2

Capitale: Palikir

Lingue utilizzate: Inglese (uff.)

Religioni: Cattolici 53% - Protestanti 47%

Gruppi etnici: Nove gruppi micronesiani e polinesiani

Fuso orario: Da +10 a +11

Corrente elettrica: 120V 60 Hz A, B

palau.profondoblu.net

per Informazioni Estese :

palau.profondoblu.net

palau.profondoblu.net

 

per Info Diving Esteso :

palau.profondoblu.net/immersioni

palau profondoblu net diving

Palau & Micronesia - le nostre proposte :

Per offrirti il miglior servizio possibile, profondoblu.net utilizza i cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.