Tanzania

tanzaniatanzania

Al ritmo delle piogge annuali milioni di animali selvatici attraversano le savane e le pianure del paese alla ricerca di nuovi pascoli; elefanti, zebre, gnu, antilopi e molti altri erbivori, animali predatori e uccelli.

La Tanzania è il Paese africano che vanta la più immensa varietà di fauna.

Dove...

Situata appena sotto l'equatore, la Tanzania è un paese montuoso nella zona nordorientale.

Vi si trovano infatti il monte Kilimanjaro, la montagna più alta di tutto il continente africano, e le Pare Mountains.

A nord e a ovest si trovano i grandi laghi Vittoria e Tanganica.

Un altro lago è il Natron, di acque saline, situato nella Rift Valley africana vicino al confine keniota.

La parte centrale del Paese comprende un grande altopiano.

Clima

Il clima è gradevole durante tutto l'anno con temperature che oscillano tra i 24 e i 30 gradi.

Sugli altipiani e nei parchi l’escursione termica tra giorno e notte è maggiormente evidente e la temperatura può variare dai 24 gradi circa durante il giorno ai 5/7 gradi della notte.

Esistono due stagioni più umide: il periodo da aprile a giugno e quello tra ottobre/novembre.

Mafia Island

L'arcipelago di Mafia si trova nell'Oceano Indiano, più o meno a sud est di Dar Es Salaam, dal quale dista circa 40 minuti di volo.

E' composto da molte isolette, la più grande, l'Isola di Mafia che si trova vicina al delta del Rufiji, si estende per circa 70 chilometri di lunghezza e per 15 chilometri di larghezza.

Non è una metropoli bensì un'oasi non ancora raggiunta dal turismo di massa, incontaminata e che sembra distante anni luce dal mondo anche se ospita un aeroporto e strutture alberghiere, sapientemente realizzate senza intaccare l'enorme patrimonio naturalistico. Il WWF ha annoverato questa isola tra quelle da monitorare per il controllo di alcune specie di tartarughe rare, in estinzione.

All'estremo sud dell'isola c'è la baia di Chole, ancoraggio protetto e dall'acqua profonda, costellato di isole, banchi di sabbia e spiagge.

Queste acque protette e chiare sono il luogo ideale per fare il bagno, praticare lo snorkeling, fare immersioni o navigare.

La baia di Chole, le foreste e le isole circostanti sono ora protette dal Parco Marino dell'Isola di Mafia, che è assistito dal Fondo Mondiale per la Natura.

Pemba Island

Pemba Island si trova circa 80 km a nord est di Zanzibar Island ed è a circa la stessa distanza dalla terraferma della Tanzania, situata a est del del porto di Tanga.

Pemba offre un paesaggio collinare, fertile e ricco di vegetazione. I primi marinai arabi la chiamavano 'Al Huthera', che significa 'L'Isola Verde'.

Oltre alla sua ricca storia e tradizioni, Pemba è sicuramente interessante per la ricchezza di risorse naturali, le spiagge incontaminate, le foreste di mangroviee e la barriera corallina che circonda l'isola e protegge una moltitudine di specie marine offrendo altresì il luogo ideale per stupende immersioni.

Sull'isola si trovano strutture molto semplici e resorts esclusivi e di alto livello (come quello da noi proposto) che vogliono sicuramente invogliare il turismo verso l'isola e offrono tutti i comfort e la qualità per una vacanza indimenticabile.

Pemba è sicuramente uno dei gioielli dell'Oceano Indiano ed è pazientemente in attesa di essere esplorata.

Costa Tanzania: Kilwa Bay

Kilwa a sud della Tanzania, ca. 130 km da Dar es Salaam poco distante dal confine col Mozambico, in località Kilwa Masoko (masoko significa mercato) si trova un piccolo paese che dalla località prende il nome.

Abitato da una popolazione locale cordiale ed ospitale l’aerea di Kilwa è stata definita zona di interesse storico dall’Unesco in virtù dela presenza di numerose rovine di origine araba.

Tutta la zona è di una incomparabile bellezza, immersa in una rigogliosa vegetazione da una parte e lambita dalle calde acque dell’Ocano Indiano dall’altra.

Zanzibar

Zanzibar (pron. [ˈʣanʣibar], tradizionalmente [ʣanʣiˈbar] è una parte della Repubblica Unita della Tanzania, geograficamente corrispondente all'arcipelago omonimo, composto da due isole principali, Unguja e Pemba, e numerose isole minori.

Zanzibar e la parte continentale della Tanzania (allora Tanganica) si unirono solo nel 1964, poco tempo dopo la rivoluzione di Zanzibar; in precedenza, Zanzibar era un soggetto politico distinto, prima un sultanato e poi un protettorato britannico e infine, brevemente, una monarchia costituzionale.

Il nome Zanzibar (زنگبار) deriva molto probabilmente dal persiano zanj, con cui i persiani indicavano i neri; zang-i bar significherebbe "Terra dei neri".

Viene talvolta proposta un'altra etimologia, dall'arabo zanjabīl, che significa "zenzero", una delle spezie commerciate da Zanzibar, ma si tratta probabilmente di una paraetimologia fondata sulla sola base dell'assonanza.

Zanzibar è nota per molti motivi. A causa dell'influenza congiunta delle culture arabe, persiane e bantu, e della frenetica attività commerciale che ha legato Zanzibar al Medio Oriente e persino all'India e alla Cina, l'arcipelago è uno dei luoghi più rappresentativi della cultura swahili, la cui lingua fu a lungo quella predominante negli scambi commerciali fra Asia e Africa, e tuttora svolge il ruolo di lingua franca in gran parte dell'Africa orientale.

Info Diving

La maggior parte delle immersioni si svolgono a Chole Bay.

E' una vasta e protetta baia circolare la cui prondità raggiunge i 30 mt circa, adatta quindi a piacevoli immersioni per la maggior parte dell'anno.

A causa dei monsoni e delle imponenti pioggie infatti, nel periodo da Aprile a Maggio, i resort ed i Diving Centers sospendono le attività.

In tutti gli altri mesi il Centro, didattica PADI e NAUI, offre belle immersioni sia per esperti che per principianti.

Anche lo snorkelling, sui reef di queste acque basse e tranquille risulta una attivita' piacevole, facile e sopratutto gratificante ( anche ai sub ).

Tutte le immersioni sono accompagnate da guide esperte capaci di parlare in fluente inglese ed in apprezzabile italiano.

La profondita' massima è di 30 metri, le immersioni sono facili, sicure e piacevoli: i reef sono ricchi, pressoché intatti ed ospitano una grandissima varietà di pesci.

Frequenti anche gli incontri con i predatori e le tartarughe.

Particolarmente interessanti e spettacolari le immersioni notturne quando l'acqua ricca di plancton sembra brillare di luce propria e la vita sottomarina si anima.

Informazioni utili

Documenti necessari per l'accesso:
Passaporto + visto. Il visto può essere richiesto all'Ambasciata della Tanzania di Roma, al Consolato di Milano oppure in arrivo presso gli aeroporti internazionali di Dar Es Salaam, Arusha-Kilimanjaro e Zanzibar o, ancora, al posto di frontiera di Namanga ai confini con il Kenya.

Vaccinazioni:
Vaccinazione contro la febbre gialla raccomandata in alcune zone del paese, profilassi antimalarica (raccomandata in alcune zone del paese).

Ambasciate e consolati in Italia:
Via Beccaria Cesare,88 Roma - 06 36005234

Ambasciate e consolati in loco:

  • Lugalo Road, Plot 316, (Upanga) Dar es Salaam. P.O. Box 2106
    Tel: ++255-22-2115935/6-2123010/1 - Fax:115938 - Telex: 41062 Italdipl - e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Governo: Repubblica

Superficie (Km2): Km 945 090

Popolazione: 33 517 000 ab. (stima 2000)

Densità della popolazione (per Km2): 35 ab./km2

Capitale: Dodoma 203 833 ab. (1988)

Lingue utilizzate: Inglese (ufficiale), Swahili (ufficiale)

Religioni: Cristiani 44 %, Musulmani 37 %, Animisti 19 %

Gruppi etnici: Africani 97 %, Asiatici 0,6 %, Arabi 0,3 %, Europei 0,1 %, altri 2 %

Moneta: Scellini della Tanzania

Cambio: 1 Euro=785,75 Scellini della Tanzania - I traveller's cheques sono accettati in pagamento nei principali hotels di Dar es Salaam, nelle banche e in alcune agenzie di viaggio della capitale. Non esiste bancomat.

Fuso orario: +2

Prefisso telefonico: ++255

Corrente elettrica: 230 V

Tanzania - le nostre proposte :

Per offrirti il miglior servizio possibile, profondoblu.net utilizza i cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.